Aura Mugler: the scent of instinct

Aura Mugler-a.jpg

 

AURA MUGLER: il profumo dell'istinto

Può un profumo ritrarre l’instinto? Quell’intuizione animale, anche chiamata senso senso, cosi spiccatamente donna? Aura Mugler si, e lo fa con una composizione olfattiva talmente inaspettata da sorprendere i sensi al primo sentore.

Aura è istinto.
— Thierry Mugler

Assolutamente e spettacolarmente esagerato come tutte le creazioni Mugler, Aura è un profumo che pulsa a fior di pelle sprigionando un’overdose di note naturali e orientali che si fondono con il carattere di chi lo indossa, materializzandone l’aura (appunto) battito dopo battito. 

Un profumo MUGLER deve essere addictive. Nella sua composizione, attrazione ed opposizione si domano reciprocamente, giocando sul potere emozionale del ricordo. 

Come una seconda pelle, AURA MUGLER crea una dipendenza da sé. È il profumo
di sé, che si proietta al di là del proprio corpo, in osmosi con il mondo circostante.
— Sandrine Groslier, Presidente Clarins Fragrance Group 

Il lato sfuggevole di Aura Mugler

Aura Mugler-1a.jpg

A rendere cosi speciale il sillage di Aura Mugler è la liana selvatica, una pianta medicinale cinese mai usata prima in profumeria che cure le malattie cardiache e di contribuisce all’equilibrio dell’organismo.

Contraddistinta da note ricche, aspre e affumicate, sensuali e misteriose, la liana selvatica è selvaggia e evanescente, penetra nei sensi, si fa sentire, impone la sua presenza ma è sfuggevole al tempo stesso. Si percepisce ma non la si identifica con chiarezza.

Per trattenere la potenza e la grazia di questa nota imprendibile, i quattro parfumeur* che hanno collaborato alla creazione di Aura, l’hanno imprigionata fra due cuori, uno vegetale e uno animale, e li hanno fatti battere all’unisono con gran maestria.

Da qualche anno, la parfumerie è ritornata a note più orientali, più sensuali, senza osare tuttavia l’utilizzo di sentori animali. 

Noi proponiamo un ritorno alle note animali, rivisitandole però in chiave contemporanea, senza le materie prime abitualmente usate a inizio secolo. Abbiamo messo il “vegetale” a servizio dell’“animale”, reinventando la famiglia degli orientali-verdi in perfetto stile MUGLER. Con le piante siamo riusciti a riconciliare i due regni, vegetale e animale.
— Pierre Aulas, Direttore Artistico Olfattivo 
Aura Mugler-a4.jpg

Al centro del cuore vegetale la foglia di rabarbaro connota intensità e vibrazione, è una sfaccettatura  fruttata e croccante che, senza rivelarsi stucchevole è acida e frizzante al tempo stesso. La foglia di arancio, invece, ottenuta con un nuovo processo di co-distillazione, rivela la sua delicata, innata e incantevole freschezza per sublimare la purezza di quella donna che vive seguendo il suo istinto.

A chiudere la pulsazione di Aura è il cuore animale, caratterizzato dalla nota boisé e speziata del fiore nero di vaniglia Bourbon che gli dona un tocco esotico e addictive, e dall’accordo boisé-affumicato del Wolfwood (esclusiva Firmenich) che grazie ai suoi morbidi accenti di resina, avvolge la pelle come una pelliccia.

L’aura è magica. AURA MUGLER ne è il simbolo.
— Thierry Mugler

Profondo e potente, luminoso e vivace, Aura Mugler fa risuonare l’istinto di ogni donna. Animale, soprannaturale, pulsa nelle vene, è l’alchimia del tempo. E proprio quando tutto si fa calcolato e misurato, quando le donne si rendono conto che il tempo manca e sfugge, ecco è qui che hanno bisogno di riconnettersi con il loro lato sensibile, con la loro intuizione. Aura Mugler è questo, è un legame con il proprio io, un dono alle donne.

Il lusso della sostenibilità firmato Mugler

Come i suoi predecessori, Angel e Alien, AURA MUGLER è un profumo “ricaricabile” e il refill può essere fatto alla Source*, la Fonte di profumo presente nei punti vendita MUGLER.

 

*La creazione olfattiva è stata orchestrata da Sandrine Groslier, Pierre Aulas, consulente e Direttore Artistico Olfattivo, a anco di quattro parfumeur (Daphné Bugey, Amandine Clerc Marie, Christophe Raynaud e Marie Salamagne). La creazione visiva è stata ispirata da Christophe de Lataillade, Direttore Creativo MUGLER Parfums. 


Aura Mugler: the scent of instinct

Aura is instinct.
— Thierry Mugler

Can a perfume portray instinct? That animal intuition, also called sixth sense, so distinctly womanly? Aura Mugler does it with such an unexpected olfactory composition that surprises the senses at first whiff.

Absolutely and spectacularly exaggerated like all Mugler’s creations, Aura is a perfume that pulses on the skin giving off an overdose of natural and oriental notes that blend with the character of the woman who wears it, materializing her aura beat after beat .

A MUGLER perfume must be addictive. In its composition, attraction and opposition mutually tame each other, playing on the emotional power of memory.

Like a second skin, AURA MUGLER creates a self-addiction. It is the perfume of the self, which projects itself beyond its own body, in osmosis with the surrounding world.
— Sandrine Groslier, President Clarins Fragrance Group

The fleeting side of Aura Mugler

To make Aura Mugler sillage so special is the Tiger liana, a Chinese medicinal plant never used before in perfumery that cures heart diseases and contributes to the equilibrium of the body. Characterized by rich, sharp and smoky, sensual and mysterious notes, Tiger liana is wild and evanescent, penetrates the senses, it unveils itself, imposes its presence but is elusive at the same time. It is perceived but not clearly identified. To retain the power and grace of this fleeing note, the four parfumeur* who collaborated in the creation of Aura, imprisoned it between two hearts, one vegetable and one animal, and made them beat in unison.

For the past few years, perfumery has returned to more oriental and more sensual notes, without daring to use animalic notes. 

We propose a return to animal notes, but in a modern way, without using the raw materials that were common in earlier times. We have put plants in service to animal, and reinvented the oriental green family, Mugler’s way. We have used botanical ingredients, and we have succeeded in reconciling the plant and animal kingdoms.
— Pierre Aulas, Olfactory Artistic Director 

At the heart of the vegetal heart the rhubarb leaf connotes intensity and vibration, it is a fruity and crispy facet that, without being gourmand, reveal a tangy and sparkling side. The orange blossom, instead, obtained with a new co-distillation process, reveals its delicate, innate and enchanting freshness to sublimate the purity of that woman who lives following her instinct.

To close Aura Mulger pulsation is the animal heart, characterized by the woody and spicy note of the Bourbon vanilla black flower that gives it an exotic and addictive touch, and by the boisé-smoky accord of Wolfwood (exclusive Firmenich) that thanks to its soft resin accents, wraps the skin like a fur.

Aura is an uncontrollable magic that the magnetism of the fragrance materializes.
— Thierry Mugler

Excessive and addictive, bright and lively, Aura Mugler makes the instinct of every woman resonate. Animal, supernatural, pulsating in the veins, is the alchemy of time. And just when everything is calculated and measured, when women realize that time is missing and escapes, here is where they need to reconnect with their sensitive side, with their intuition. This is Aura Mugler, it is a link with one's own self, it is a gift to women.

Your aura is magic.
AURA MUGLER is its emblem.
— Thierry Mugler

The luxury of sustainability

Like its predecessors, Angel and Alien, AURA MUGLER is a "rechargeable" perfume and the refill can be made at the Source*, the Perfume Source present in MUGLER stores. 


* Olfactory creation was led by Sandrine Groslier, Pierre Aulas, consultant and Olfactory Artistic Director, and four perfumers: Daphné Bugey, Amandine Clerc Marie, Christophe Raynaud and Marie Salamagne; visual creation was inspired by Christophe de Lataillade, and the marketing team headed during development by Alexandra Brichet-Wolf designed and built together the shared dream of a unique object.