Sale Gosse by Frederic Malle

frederic malle salle gosse by fanny bal.jpg

The unexpected scent of childhood

It is the constant, endless pursuit of the balance between mischievousness and precocity that characterizes childhood that Frederic Malle wanted to capture with Sale Gosse, his new Edition de Parfums for children that has little to do with innocence, so much so that was named Salle Gosse, which in French means dirty brat.

Pretty strong, isn’t it? But if you have children you must know how their being "adorable" is, in reality, made of an explosive mix of mischievousness, stubbornness and disarming sweetness. A whim is enough for us to go crazy, but they just need their mesmerizing eyes to be forgiven. They are sly enfants terribles, they walk on a thin thread, they are in balance in search of their personality, and by testing the limits they discover themselves.

frederic malle salle gosse by fanny bal-3.jpg

With Sale Gosse Fanny Bal perfectly captured the contrasts of childhood

But what was Malle’s goal? To capture this perpetual evolution that is called childhood. And the task was given to Fanny Bal a very promising young nose that, having taken the brief of Monsieur Malle, has given life to a classic eau de cologne with a "candy" touch. A style exercise that, most likely, will open her many paths.

Sale Gosse olfactory composition

frederic malle salle gosse by fanny bal-2.jpg

At the top, Sale Gosse has a purely eau de cologne composition with petitgrain, neroli, bergamot and rosemary, but the first and the last are subtly overdone to move the olfactory construction towards a new direction, the childish one of candies with violet and chewing strawberry gum (Malbar). And if the violet is not new to our nose with its sugared crystallinity, the Malbar certainly is for its strange and almost dusty sweetness.

Sale Gosse is a provocative infusion that perfectly gives that idea of innocent mischief that distinguishes our beloved beatific devils.


Sale Gosse: l'inaspettato profumo dell'infanzia firmato Fanny Bal per Frederic Malle

frederic malle salle gosse by fanny bal-4.jpg

È quella costante, infinta ricerca dell’equilibrio fra maliziosità e precocità che caratterizza l’infanzia che Frederic Malle ha voluto catturare con Sale Gosse, la sua nuova Edition de Parfums dedicata ai bambini che di innocente ha ben poco, tanto da esserle stato dato il nome di “moccioso” (dal francese Sale Gosse). Perché? Perché se avete figli o se i toddler non vi sono sconosciuti ben saprete quanto nella realtà il loro essere “adorabili” è fatto da un mix esplosivo di maliziosità, testardaggine e dolcezza disarmante. Gli basta un capriccio per farci impazzire, ma anche solo un sguardo per farsi perdonare. Sono astuti gli enfants terribles, camminano su un filo sottile, stanno in equilibrio alla ricerca della loro personalità, e testando i limiti scoprono se stessi. 

Con Sale Gosse Fanny Bal ci regala uno splendido ritratto olfattivo dell'evoluzione dell'infanzia

L’obiettivo di Malle? Catturare questa perpetua evoluzione che si chiama infanzia. E il compito l’ha affidato a Fanny Bal, un giovanissimo naso promettente che, preso il brief di Monsieur Malle ha dato vita a una classica colonia con un tocco “candy”. Un’esercizio di stile che molto probabilmente, le aprire molte strade.

La costruzione olfattiva di Sale Fosse by Fanny Bal

In testa, Sale Gosse ha una composizione prettamente da eau de cologne con petitgrain, neroli, bergamotto e rosmarino, ma il primo e l’ultimo sono sottilmente sovraddosati per muovere la costruzione olfattiva verso una nuova direzione, quella childish di caramelle alla violetta e chewing gum alla fragola (Malbar). E se la violetta non ci è nuova al naso con la sua cristallinità zuccherata, il Malbar lo è di certo per la sua strana dolcezza quasi polverosa.

Sale Gosse è un infuso provocante che rende a perfezione quell’idea di innocente birichineria che contraddistingue le nostre adorate piccole pesti.